Autobiografia: perchè?

Autobiografia : perchè scriverla?
Diletto passione o un'esigenza sorta in un momento della vita quando si fa una sorta di bilancio?
Quando la memoria attinge volontariamente al suo passato e le scene perdono i contorni sfuocati; perchè è il momento di capire
che questo presente è frutto inevitabilmente di quel passato e lo si può osservare senza giudizio o rammarico.
E scrivendo, liberi dal censore interiore e magari modificando qualche evento, può nascere qualcosa di totalmente nuovo sulle pagine e nella vita.

 

 

 

 

Autobiografia: da dove cominciare

 

 

Primi passi per creare un'autobiografia

 

Vogliamo iniziare la stesura di un'autobiografia sia un momento di crescita e confronto con se stessi e magari solo dopo diventerà un romanzo?
Iniziare un viaggio che parte da elementi strettamente personali 
per arrivare chissà dove. Dove ci porta il ricordo o anche l'immaginazione a costo talvolta di uscire dall'autobiografia vera e propria.

 

Come ogni trama che si rispetti avrà un titolo che condensa ed esalta il contenuto; avrà il protagonista ovviamente noi stessi e
gli antagonisti. Questi possono essere figure genitoriali o comunque rilevanti da cui abbiamo subito condizionamenti,
partner che ci hanno deluso o ancora parti di noi stessi non 
ben integrate che possiamo rappresentare e inscenare.

Ci saranno anche le figure amiche ovvero gli amici in senso propriamente detto, persone o genitori che nel corso della nostra
vita ci hanno donato qualcosa o ci hanno riconosciuto o i nostri stessi punti di forza che possiamo fare vivere nel romanzo. 
A questo punto si tratta di materializzare questi personaggi, 
amalgamarli e farli muovere con scene e dialoghi, come un abile burattinaio, lasciandoli parlare con la voce di allora.

L'io attuale diventa l' osservatore e può fare da sottofondo e collante dei momenti e delle scene scritte.